La mamma che vorrei….essere

In un altro post ho già parlato di me, di chi sono, di cosa vorrei fare nella vita, oltre all’ingegnere (o magari al posto di quello). Stavolta intendo dirvi che mamma vorrei essere per i miei figli.

Mi sono sempre detta di non voler somigliare a mia madre: bravissima donna, quello sicuramente, ma troppo apprensiva e, a volte, “oppressiva”. La sera non potevo uscire quasi mai con gli amici e, comunque, ero sempre la prima a tornare a casa col papà o la mamma che venivano a prendermi. Continue telefonate quando ero fuori casa (anche adesso è nella sua indole: fosse per lei non potrei neanche andare da sola a Malpensa a prendere mio marito che torna dall’India). A volte, durante quest’ultima gravidanza, mi ha imposto la presenza di mio padre, anche se poi ho guidato io l’auto (quindi a che pro?!?). Ma la cosa che recrimino principalmente a lei, perchè con mio padre non ne ho mai parlato, è di non aver creduto mai abbastanza in me, e non avermi sostenuta nelle mie aspirazioni, ma di avermi sempre indirizzata verso altro. Un esempio: avrei voluto fare il liceo artistico e poi l’accademia o frequentare un istituto per stilista, e invece ho studiato al classico e sono diventata ingegnere.

Di contro, lo devo ammettere, mi ha sempre viziata molto: sempre bei vestiti, sfizi assecondati, etc. E’ sempre stato questo il suo modo di dimostrarmi il suo affetto e la sua “approvazione”.

Comunque, anche se sembrerebbe il contrario, lo so, non voglio demonizzare mia madre. E’ una nonna meravigliosa e i miei bambini (Giorgio principalmente, perchè Gaia è troppo piccola) l’adorano.  Addirittura, se mi capita di contraddirla davanti a lui mi dice: “Mammaaaa non rimproverare la nonna!”, agitando l’indice come a rimproverarmi. Che cucciolo dolce!

Qui vorrei dirvi non che mamma sono, perchè cambio sempre a seconda della situazione e, a volte, non mi piaccio, lo devo ammettere. In questa sede vorrei fare un proposito, raccontare come vorrei diventare.

Mi piacerebbe, innanzi tutto, essere un esempio per loro, sia con le parole che con le azioni. Desidero riuscire ad essere, al contempo, una figura autorevole, ma non autoritaria, che li possa educare, ma senza bisogno di ricorrere a ricatti, punizioni o sculacciate.

Vorrei, però, anche essere loro confidente ed amica, vorrei che capiscano che li sosterrò e appoggerò sempre nelle loro scelte e che non dovranno mai aver paura a dirmi le cose.

Sono una mamma imperfetta, ma spero di diventare “perfetta” per i miei bambini.

Chiara

Annunci

Un pensiero su “La mamma che vorrei….essere”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...