Archivi categoria: Libri consigliati

Stuzzica libro. Riflessioni sui libri per bambini da 0 a 6 anni.

Eccomi qui, come promesso scrivo di un bellissimo incontro avvenuto la settimana scorsa presso lo spazio bimbi di Torre Boldone.
La serata, già dal contenuto, pareva vermanete interessante: i libri per i bambini. Lo teneva una bravissima educatrice, Ursula Grüner, che in tempi veramente non sospetti ho conosciuto perché io facevo da educatrice ai suoi bambini (allora bambini) negli scout a Torre Boldone.
Le strade nella vita si incrociano…
Comunque, vuoi perché i libri sono sempre stati la mia passione, il mio studio e oggi (seppur faticosamente) la mia professione, vuoi perché ho uno gnomo librofilo in casa, mi sono detta: andiamo!
Nonostante la stanchezza da fine giornata mi sono infilata le scarpe e sono andata a questo spazio bimbi.
La serata si è rivelata veramente interessante, Ursula ci ha presentato tanti libri, per ogni età, e da come ce li mostrava si vedeva che erano stati scelti con cura e letti da lei più volte.
Oltre alla bella carrellata, mi sono piaciuti i vari messaggi educativi che ha lanciato, sempre con molta semplicità ma con grande convinzione.

1- non esiste un’età per cominciare a leggere libri con i nostri bambini. Ovvero non sono mai troppo piccoli per stare vicino a noi o in braccio e lasciarsi cullare da immagini e parole. Certamente i primi libricini devono avere immagini appropriate, semplici, così come le storie. Un capitolo a se stante viene occupato dai libri che pongono attenzione, oltre che sul contenuto, sulla sonorità e musicalità delle storie: è l’esempio delle filastrocche e dei libricini in rima. Attingono questi spesso dalla tradizione orale e per ogni mamma rileggere queste filastrocche è anche oltre che un percorso avanti con i propri bimbi un cammino a ritroso nella propria infanzia.

2-ai bimbi piace la ripetitività. Che scoperta, mi direte, chi fra noi non conosce praticamente a memoria interi librici perché per un certo periodo ci è sempre stata chiesta solo e soltanto quella storia prima di andare a letto? Questo perché la ripetitività tranquillizza, crea un rito, sapere che il finale lieto è lì, pronto ad accoglierli alle ultime pagine, permette ai piccini di affrontare con serenità lupi, streghe ed ogni sorta di difficoltà!

3- i libri devono scatenare la curiosità dei bambini. Attenzione: ogni bimbo è diverso e unico ed è giusto che vengano scelti libri in base alle sue passioni, al suo personale immaginario. Oggi esistono tantissimi libri, prendiamo del tempo per andare in libreria con i nostri cuccioli e scovare insieme il libro da comprare (e non lasciamoci guidare dalle masse o dai personaggi della tv – PEPPA PIG giusto per fare un nome casuale).

4-i libri devono contenere parole anche difficili. Queste, che in realtà sono difficili e nuove per loro, acquisiranno una sorta di “aura magica” e diventeranno conosciute e riconosciute dai bambini, che amplieranno il loro vocabolario. Certo occorre creare una sorta di “magia” intorno a queste parole, enfatizzandole mentre si legge, spiegandole, additandole nelle illustrazioni.

5- La lingua è un mezzo per comunicare l’affetto. Pensiamo a questo quando leggiamo ai nostri piccoli i libri

6- i libri scatenano la fantasia perché lasciano spazio all’immaginazione. I libri, anche quelli più strambi, surreali, creano sempre un ponte con la realtà, invitano a conoscere (e sperimentare) senza “fare la lezioncina” ma raccontando.

7- I libri mostrano la contemporaneità. Dagli anni ’80 c’è stata una vera rivoluzione nei libri per bambini e si è incominciato a pubblicare libri che raccontassero i mutamenti sociali: libri con bambini che vengono da lontano per trovare una mamma e un papà, libri dove ci sono solo una mamma o un papà, libri con famiglie con 2 papà, libri dove le mamme lavorano e i papà stanno a casa… insomma, se si vuole trovare l’abbandono della famiglia tradizionale per abbracciare le molte famiglie attuali si deve cercare nei libri per bambini

8- i libri possono raccontare le prime volte e stare vicini ai nostri piccoli mentre crescono: l’asilo, l’uso del vasino, l’arrivo di un fratello, i litigi con i compagni, le gite con la scuola…

9- i libri possono raccontare ai bambini anche le sensazioni “brutte” come la gelosia, la rabbia, la paura, e possono mostrare che è normale provarle ed è altrettanto normale superarle. I libri possono parlare ai bambini senza “filtri” e far dire al bambino quello che non riesce a dire. I libri accettano e aiutano i bambini

10- i libri coccolano i bambini. Ci sono libri il cui scopo (sia nella trama che nelle illustrazioni) è quello di coccolare i nostri piccini, regalando loro attimi di serenità, come quando si mettono il ciuccio in bocca.

11- i libri possono essere poetici. Non esiste un’età per avvicinarsi alla poesia delle cose, quindi perché non scegliere libri che attraverso i disegni o le descrizioni incantino?

12- i libri si possono rileggere negli anni. I libri migliori sono quelli che hanno più livelli e possono essere colti a più età.

Aggiungo io, dal piccolo della mia esperienza, che la differenza in termini di costi fra libri di qualità e libri “merchandising” non è molta. Allora scegliamo con cura libri che siano ben scritti e ben illustrati. Un libro deve essere un’esperienza che coinvolge almeno tre sensi: la vista, l’udito e il tatto (a volte il gusto, malgrado si cerchi di salvare le pagine da voraci lettori). Cerchiamo libri che appaghino i nostri bambini, che li facciano ammutolire dall’emozione, che facciano venir voglia di essere sfogliati ancora.
Soprattutto se i bambini stanno imparando a leggere cerchiamo libri che abbiano una bella grafica, un carattere bello e leggibile (come grandezza e font), libri con immagini non banali.
Libri che profumino di carta ed inchiostro, che abbiano colori non sempre e solo sgargianti ed eccessivi, ma anche tenui, libri che stupiscano per il formato (grandissimi o piccolini)…

Insomma, libri da restarne innamorati!

Giulia

Annunci

Recensioni? Si grazie.

Mi sembra ormai chiaro che mi piacciono i libri per bambini.

E altrettanto chiaro che mi piace l’idea di collaborare con altre mamme.

E’ scontato dire che da sola a fare recensioni, non ce la posso fare.

Quindi vi prego aiutatemi!!!

Se avete letto un bel libro ai vostri bimbi, se avete letto un libro illuminante su come gestire i figli e avete voglia di fare una piccola recensione … io la pubblico.

Libri proibiti: manuali delle tate  e tutti quei testi che in 10 mosse ti rendono la vita facile e figli perfetti.

Alcune mamme mi stanno già aiutando e le ringrazio di cuore.

Oggi, ringrazio Laura della Libreria Fantasia per la sua recensione che puoi trovare qui: www.mammaocchiacuore.it

Se vuoi fare una recensione contattami qui: Arianna

Se invece hai inventato una favola leggi qui: I vostri racconti

Se tu canti io canto

biblioteca
Il 31 marzo 2014 presenterò alla biblioteca di Alzano il mio libro
Il progetto del libro nasce lo scorso 2013 in occasione dell’organizzazione del convegno Nella musica c’è in collaborazione con la pediatra dott.ssa Alessandra Ometto e l’educatrice musicale Virginia Longo. Il convegno patrocinato da Nati per la musica e dalla Fondazione Mariani con l’idea di diffondere  il significato e l’importanza della musica.
F. Fornari nel suo libro Psicoanalisi della musica dice: ” La musica è mamma”. La musica è un grembo, ed è proprio nel grembo materno il bambino fa esperienza della prima musica attraverso i movimenti e i suoni del corpo della mamma, del sangue che scorre del respiro, del battito del cuore.
Quello che ho cercato di raccontare nella fiaba è proprio il recupero di queste sensazioni primordiali.

Da qui l’idea che per la presentazione del libro le mamme e i bambini che interverranno conoscano già la musica e la possiamo quindi condividere e cantare insieme.

Riprendo così con l’occasione un vecchio progetto proposto qualche mese fa: Se tu canti io canto

Se hai voglia di partecipare questo è il video con la ninnananna da imparare 🙂

Ciao a tutti

Arianna