Archivi categoria: Maternità

41 anni e la ricerca continua! Chiamatemi Dì!

Chi l’avrebbe mai detto, dopo più di 20 anni ricomincio a disegnare!!!!

Quando ero piccola tutti mi dicevo che ero brava a disegnare, alle elementari (la maestra Patrizia ci faceva fare dei bellissimi lavori) e alle medie, tanto che ci avevo creduto! Inoltre, mio nonno dipingeva e mio zio era un pittore (Piero Urbani).  Per cui ero cresciuta respirando un po’ l’aria dell’arte e pensavo che quello fosse sufficiente per dire che anche io disegnavo bene.

Quando mi sono iscritta al liceo artistico sono andata a bottega da mio zio. Era veramente un personaggio. Io mi sedevo accanto a lui, mi dava un suo dipinto da copiare e iniziava a parlare! Dipingeva e parlava. Ogni tanto si interrompeva, mi chiamava Dì, probabilmente non si ricordava il mio nome, e poi ricominciava a parlare. Ma nonostante tutto mi piaceva stare lì con lui!

Poi ho cominciato il liceo e lì sono crollate miseramente le mie poche certezze. Guardavo ammirata  i meravigliosi disegni dei miei compagni. Con semplici tratti riuscivano a ritrarre il modello o la modella dal vivo oppure quelle benedette statue in gesso.

Ricordo ancora con terrore il volto in gesso  suddiviso in piani (metteva in evidenza come si muovono i vari piani del viso) che ci aveva fatto dipingere  il terribile professor Rossoni. Un vero incubo sia lui che la statua! Quell’anno sono stata rimandata anche in figura!Ancora oggi mi chiedo come si facevano a disegnare tutti quei piani inclinati spigolosi! Per non parlare poi delle mani. Ma quanto diavolo era difficile disegnare quelle maledette mani in gesso!

Altra materia di cui oggi mi chiedo il senso era ornato. Anche lì copie! Copie di quadri famosi. Un mio lavoro lo potete vedere in alto. Dalì. Non voglio discutere sull’utilità o meno di copiare quadri di altri ma certamente non ci hanno insegnato ad avere un nostro stile. Qualche vago tentativo ma niente di più (ho disegnato una sedia dal titolo yin yang una vera schifezza). Quindi la mia carriera da artista si è conclusa con un bel 36/60 e un calcio nel sedere.

Con questa uscita di scena dal liceo certamente non mi è neanche passato per la mente di iscrivermi all’Accademia di Brera o ad Architettura. Per cui matite, gessetti e pennelli sono finiti nel cassetto e da lì si sono annullati nei tortuosi meandri della mia memoria.

Solo per caso leggendo un post su fb mi è tornato alla mente il piccolo periodo che avevo fatto dallo zio nel suo studio d’arte. Un ricordo completamente soffocato e risucchiato nelle profondità  del cuore e della mente.

Ma come è possibile dimenticarsi una parte della propria vita?

Non lo so, è successo e basta.

Sono successe tante cose poi l’università che mi ha portato lontana dal disegno, il lavoro, incontri che aprono altre strade.

Ho lavorato 10 anni intensi con bambini e adolescenti. E’ stato un periodo, emozionante, ricco di stimoli e di scoperte.

E poi il matrimonio e l’immensa gioia della maternità che più di tutte mi ha portato ispirazione. Marito mio anche tu sei stato e continui ad essere fonte di ispirazione! 😉

Poi arrivano i 40 anni. Caspita è un traguardo importante anche questo. Ho iniziato a riflettere sulla mia vita, su quello che ho fatto, quali sogni ho realizzato e quali no.  Mi sono chiesta se la mia vita è come l’avevo sognata da ragazzina quando il mondo è ancora tutto da scoprire. Insomma ho iniziato ad andare un po’ in crisi.

Realizzi che  si invecchia, che non si è eternamente giovani.

Poi ho iniziato a dirmi che 40 anni sono anche una  bella età, di  maturità, di tante cose fatte anche con soddisfazione.

E quindi perché non vederli come un nuovo inizio. Perché non sfruttare al meglio tutte le consapevolezze acquisite negli anni e sfruttarle al meglio?

Perché non osare? Non l’ho mai fatto nella vita! Sono sempre stata timida e anche un po’ insicura, ma ora che mi frega?! Al diavolo tutto e tutti! Ho voglia di osare, di provare, di rigiocarmi!

E quindi osservando con ammirazione e meraviglia la mia bambina Sofia e la facilità con cui apprende la musica mi sono detta che in fondo è solo un nuovo linguaggio da imparare. Perché deve essere rivolto solo a pochi eletti? E chissenefrega se non divento una musicista, intanto scopro, imparo e conosco. Devo dire che apprendere la musica è veramente un viaggio anche dentro di sé.

Non so se rifarei tutto esattamente come l’ho fatto.  Ma certamente  la strada che ho percorso finora la sto usando tutta per continuare a cercarmi, a scoprirmi, ad osare a lanciarmi in nuovi progetti!

A 40 ho deciso di iniziare a suonare il pianoforte, a 41 ho ripreso a disegnare. Non sempre quello che ho in testa riesco a renderlo graficamente. Un po’ imbranata mi sento, ma la nuova sfida è riuscire a frequentare la scuola di Sarmede. devo solo aspettare che la terza annetta cresca ancora un po’ e poi non mi ferma più nessuno.

10270812_634074336677627_4093690951674258040_n

Chissà cosa farò per i 42? e i 43, i 50????

Vedremo, intanto io continuo a camminare.

Arianna

 

GENITORI IN CRESCITA 7

 

Buongiorno a tutti voi! 🙂

Ormai sembra una saga – giunta al settimo episodio – questo nostro cammino di pensiero e di cuore da genitori consapevoli. 😉

Vediamo di fare un nuovo passo con il pensiero consapevole di oggi, allora, che ne dite?

“Le cose occupano il cuore.

Ma non lo riempiono”

(anonimo) Continua a leggere GENITORI IN CRESCITA 7

GENITORI IN CRESCITA 6

Buongiorno a voi e ben ritrovati, ad un nuovo crocevia del percorso di crescita consapevole che stiamo condividendo.

Ecco il pensiero consapevole di questa settimana:

“Dormivo e sognavo che la vita non era che gioia.
Mi svegliai e vidi che la vita non era che servizio.
Servii e compresi che nel servizio c’era la gioia.”

(Tagore)

Essere genitore significa fare quotidiana e continua esperienza di servizio; un continuo “pensare a” e “fare per” i nostri figli. Ciò che si chiama “dedizione”.

Continua a leggere GENITORI IN CRESCITA 6

GENITORI IN CRESCITA 5

Nuovo appuntamento con la cordata di “Genitori in crescita”, verso le cime della consapevolezza dell’educare.  🙂

Tornante dopo tornante, curva dopo curva, eccoci approdare ad un pensiero di grande profondità e verità, espresso da una donna di cui ho e conservo grande stima: la pediatra Elena Balsamo, autrice di “Sono qui con te“, un libro che vi consiglio di leggere (e di far leggere) con tutto il cuore!

“I bambini hanno troppo di ciò che vogliono e troppo poco di ciò di cui hanno bisogno”

(E. Balsamo)

Continua a leggere GENITORI IN CRESCITA 5

Più mamma= meno donna?

Mi è capitato spesso di confrontarmi con altre mamme sull’impatto che la maternità ha sul percepirsi donna.

Non una donna nuova, la donna che si era.

Con alcune ho avuto aspre discussioni perché sovente mi sono sentita giudicata (sicuramente anche loro da parte mia, ovvio): secondo queste mamme niente deve essere sacrificato sull’altare della famiglia, niente di ciò che si era prima deve cambiare.

Chiaramente non sono d’accordo.

Ho vissuto la mia prima maternità in modo totalizzante, spesso mi sono sentita risucchiata dal dedicare costantemente attenzioni ed energia, ho trascurato tutti, marito ed amici, per mio figlio.

Ma è stata una fase, Continua a leggere Più mamma= meno donna?

GENITORI IN CRESCITA 4

Buongiorno genitori in crescita! 🙂

Eccoci al quarto step del nostro percorso di consapevolezza. Come va il cammino? Faticoso, eh?

Eppure giurerei di aver visto scorci di bellezza ineguagliabile, camminando su questo sentiero… Li avete visti anche voi? Spero di sì. 😉

Il pensiero consapevole di oggi è una tra le frasi più inflazionate del mio presente personale e professionale (e se mi conoscete… potrete confermarlo senza dubbio!):

“La storia non è destino”

(S. Fraiberg)

Continua a leggere GENITORI IN CRESCITA 4